+39 331.7269066

La forma, l’uso e l’istoria del Passalacqua

Laterza (0)
a persona  14
  • Arte e Natura
  • Groups allowed
  • Tour guides

Descrizione

Tradizione e innovazione dialogano nell’arte figula laertina, l’istoria seicentesca nei piatti di ceramica e la borraccia nelle mani dei viaggiatori. L’indolente Mangiamaccheroni da una parte e il Passalacqua dalle linee femminili dalla nostra parte. La borraccia è nata per contenere l’acqua ed il messaggio di tutela per l’ambiente. Diventa soggetto di congiunzione tra le principali risorse di Laterza, la gravina e la maiolica. Anziché la bottiglietta di plastica, il Passalacqua è il nuovo manufatto pronto all’uso durante le escursioni, anche in contesti con differenti gradi di difficoltà, come quelli del canyon più grande d’Europa. L’istoria dipinta sui fianchi raffigura la pianta del cappero che nasce in gravina. La rupicola produce contemporaneamente boccioli, fiori e frutti, per noi ulteriore esempio d’integrazione.


Programma

dal 01 Gennaio al 31 Dicembre
Lunedì Aperto
Martedì Aperto
Mercoledì Aperto
Giovedì Aperto
Venerdì Aperto
Sabato Aperto
Domenica Aperto
    Inizio 9:30 a.m.
  • Accoglienza presso l’info point turistico di Palazzo Marchesale a Laterza per raggiungere l’adiacente centro storico con la guida di un operatore che interpreta in maniera teatrale la genesi del Passalacqua.
  • Visita al MuMa, il museo della maiolica.
  • Creazione al tornio di manufatti d’argilla da portare poi con sé.
  • Pausa Pranzo
  • In gravina per ammirare il canyon da un altopiano con l'interpretazione del II atto del dialogo tra Mangiamaccheroni e Passalacqua.

Fine 5:30 p.m.

La quota indicata comprende, ingressi, assistenza personale qualificato, IVA, assicurazione di responsabilità civile.

I percorsi in gravina sono adattabili alle esigenze del visitatore come anche le tariffe variano a seconda della difficoltà e durata.

La tariffa di € 14,00 è calcolata sul percorso base in gravina, adatto anche ai bambini e comunque con almeno 15 partecipanti.