+39 331.7269066

Carovigno

Gli spietati

Francesco Laveneziana non gioca più con le pistole, né mai è stato il bullo che si pensava diventasse, un combattente inquieto si.

Leggi tutto

Bellofatto

“Ciao campione, com’è andata a scuola?” “Male”, risponde elettrizzato dal gioco e dalla presa in Giro di cui siamo complici.

Leggi tutto

Marina si sposa a Carovigno

Marina si fa bella e vive come le altre durante le sue attese, quando non ride balla con tutti i suoi pensieri nella mischia di fastidi e piaceri.

Leggi tutto

Le nuove cose

Le nuove cose sono salti oltre il cerchio disegnato della periferia, raggiungibili attraverso scale, ponti, terra e acqua.

Leggi tutto

Tinte fredde

Una canzone invita a ballare ironicamente in Puglia, dal suo nord al suo sud, regione anche di vulcani e non soltanto di praterie di terra e di mare. Perché non è il Salento, né lu sule o lu mare e nemmeno lu ientu.

Leggi tutto

Il giardino dei ferrovieri d’inverno

Tatam, tatam, corrono sulla ripetitività di questo suono le visioni e i ricordi, le idee e le riflessioni dei ferrovieri seduti nei vagoni. Tante immagini pensate nell’istante in cui il treno attraversa la stazione di Carovigno e qui scese.

Leggi tutto

Un mosaico di voci

Terra è femmina davvero, si può resisterle e ci si può far male. Il fard è il fertilizzante di bellezza espressa in ogni sua regione, luoghi della seduzione e di sudori diversi.

Leggi tutto

Sotto il cielo

Il cielo comincia sotto i nostri piedi e ci sono luoghi dove l’uomo lavora per ampliare lo spazio da riempirsi di cielo.

Leggi tutto

Cucina con vista

L’acqua bolle e come un vulcano erutta dosi di umiltà, di viaggi ed esperienze, di ritorni e rabbia giustificata, di contraddizione fatta di rassegnazione e sfida.

Leggi tutto

Bandiera libera

Il suo corpo è coperto dalla pelle colorata della vita, retto da una colonna vertebrale che non si piega mai, sempre con una linea perfetta allenata dal vento.

Leggi tutto